Angeli custodi

Greta Thunberg, svedese, 16 enne, viso dolce stralunato, trecce bionde, sembra sia diventata l’angelo custode dell’universo. Sia chiaro: ben vengano paladini, e con essi forme, capaci di sensibilizzare il mondo sul tema della tutela della natura e quindi di un universo più ecologico…., però sto movimento guidato da un’adolescente, che sembra “tellurico” , ma invece è “terrestre”, mi fa un po’ sorridere. Non ce l’ho con Greta, sia chiaro! Ce l’ho col fatto che non si riesce mai a fare una vera rivoluzione razionale. Noi italiani, inoltre, abbiamo il monopolio della lamentazione con il gusto della rivolta, opposta all’altra nostra metà che è il conformismo. Per cui “non si muove foglia che Dio non voglia”. Il problema che ci troviamo ad affrontare oggi è vecchissimo…. Ci siamo sentiti sempre tutti superiori alla natura, insensibilmente, al di là di tutto. Ogni volta aggredendola, sottomettendola, dominandola, realizzando un nostro sviluppo economico a lei contrario. Io dico da sempre, ancor prima che rientrasse negli ultimi proclami politici, che serve l’educazione civica! Educare fin dall’asilo! Si può combattere sta fine del creato solo con la crescita della coscienza ecologica e la sua assimilazione culturale da parte di tutti. C’è bisogno di insegnare e sostenere uno sviluppo in armonia con la natura, di formare un nuova coscienza dell’umanità che si responsabilizza per il destino comune di tutti noi e del mondo che abitiamo. L’ecologia non abbraccia solo la natura, ma anche la cultura e la società. Non possiamo continuare a dimostrare ogni anno che siamo cresciuti di P.I.L. più dell’anno precedente a discapito di tutto! Anche se due titolati dementi dicevano il contrario. Francesco Bacone infatti, uno dei fondatori della filosofia della scienza, affermava che “sapere è potere” e “il potere è dominazione”, per cui secondo lui il potere sopra la natura significa incatenarla al servizio dell’uomo e farla nostra schiava…. Della stessa misura il pensiero di Cartesio, filosofo della modernità, sosteneva, nella sua teoria della scienza, che “….la vocazione dell’essere umano in relazione alla natura è possederla, al di là di tutto, affinché intera ed estenuata sia ai nostri piedi…”. Ecco, basterebbe far tesoro dell’imbecillità di sti due tizi, che stanno pure in bella presenza sui libri di storia, per trovare l’equilibrio col creato. O imparare invece bene le teorie di Josuè de Castro, famoso scienziato brasiliano, che diceva “… la povertà è il nostro maggior problema ambientale”. Bisogna vivere l’ecologia come una nuova alleanza che l’essere umano deve stabilire con il suo habitat, con il suo simile e con lui medesimo. Sviluppare una solidarietà con le generazioni che ancora non sono nate, col diritto di esistere anch’essi olisticamente, di respirare aria pura, di bere acqua pulita, di guardare le nuvole, il cielo, le stelle, il sole, la luna… come stiamo facendo, (forse ancora per poco), noi. Per questo è importante un’ecologia della mente, ma anche un’ecologia del cuore. Le risorse naturali sono limitate e non rinnovabili! Mettiamocelo in testa. Facciamo tesoro delle parole di Ghandi: “La terra è sufficiente per sfamare il mondo intero, ma non è sufficiente per la voracità del capitale”. Buon 2020 e grazie, comunque, a tutti gli angeli custodi! Compreso Greta, il vicino di casa, internet, i libri, i giornali…., che ogni giorno ci ricordano alcune fondamentali regole ecologiste!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *